L’IMPORTANZA DEI MINERALI NELLA NOSTRA ALIMENTAZIONE

C’è ancora molto da scoprire sulle complesse funzioni e relazioni dei minerali nei sistemi corporei e su quali effetti negativi siano causati dallo squilibrio minerale.
Sicuramente i minerali attivano una serie infinita di reazioni chimiche, vitali per la buona salute del nostro corpo (antiossidante, aiuto al sistema immunitario, prevenzione attiva, rigenerazione cellulare…).
Sono necessari per costruire sangue e ossa, per il corretto funzionamento dei fluidi corporei (elettroliti), per una sana attività nervosa e per il sistema cardiovascolare. 
Come le vitamine, alcuni minerali agiscono come cofattori enzimatici, consentendo al corpo di svolgere le sue funzioni di produzione di energia, crescita e guarigione.

Dalle indagini sugli alimenti e dall’esperienza clinica emerge che in realtà molte persone soffrono di carenza di minerali e / o squilibrio in una certa misura.

Lo stress cronico o un’alimentazione ricca di cibi troppo raffinati e poveri di nutrienti – o entrambi – spesso causano voglie di cibo, crampi muscolari, umore basso, problemi digestivi e mestruali, affaticamento generale e così via, e possono anche causare gravi disturbi: la carenza di minerali è molto spesso almeno una parte del problema.

I minerali vanno assunti con l’alimentazione e la nutraceutica perché, come le vitamine, non vengono sintetizzati dal nostro corpo.

Tra i minerali più importanti per il nostro organismo ci sono:

  • il ferro, essenziale per la formazione dell’emoglobina e per l’attività respiratoria cellulare; 
  • il calcio, fondamentale per lo sviluppo delle ossa e per la contrazione dei muscoli; 
  • lo iodio, che stabilizza le funzioni della tiroide;
  • il potassio, che serve tra l’altro a regolare gli scambi intercellulari; 
  • il fosforo grande alleato dell’apparato scheletrico e muscolare nonché del sistema nervoso;

Quindi cosa fare?

Assicurati di assumere abbastanza minerali dal cibo e dall’acqua. 
La regola di base è mangiare cibi integrali come base della tua alimentazione quotidiana. 
Gli alimenti integrali mantengono molto del loro contenuto minerale originale, al contrario dagli alimenti raffinati (ad es. pane bianco), che perdono nel processo una gran parte del loro contenuto minerale. 
In particolare, la frutta, la verdura, i fagioli e i cereali coltivati biologicamente e di origine controllata spesso contengono livelli significativamente più alti di minerali rispetto agli alimenti prodotti industrialmente.
Infine, può essere utile aggiungere alghe all’alimentazione o assumere un buon nutraceutico minerale (per qualsiasi consiglio o informazione in più, sono a disposizione, posso consigliarti gratuitamente ciò che fa per te!
La scelta del nutraceutico infatti è molto importante, ci sono alcune caratteristiche che non devono mancare per avere la certezza di assumere un prodotto sicuro e di qualità! Trovi i miei contatti nella homepage del blog
).

La prova della malnutrizione minerale comprende condizioni di salute sia lievi che gravi come perdita di energia, invecchiamento precoce, sensi ridotti, digestione debole e malattie degenerative come osteoporosi, malattie cardiache ed altri malesseri. 
In molti casi, queste condizioni potrebbero essere prevenute o alleviate mangiando cibi più ricchi di nutrienti o, in mancanza, integrando minerali (per qualsiasi consiglio o informazione in più, sono a disposizione, posso consigliarti gratuitamente ciò che fa per te!! 
La scelta del nutraceutico infatti è molto importante, ci sono alcune caratteristiche che non devono mancare per avere la certezza di assumere un prodotto sicuro e di qualità! 
Trovi i miei contatti nella homepage del blog!).

Dal punto di vista nutrizionale, i minerali essenziali sono raggruppati in due categorie: macrominerali e microminerali o minerali traccia.

Minerali: funzioni e fonti

MACROMINERALI

  • Calcio
    Il calcio è il minerale più abbondante nel corpo (circa 1 kg) e necessario per lo sviluppo e il mantenimento di ossa e denti. 
    Fa anche parte del “cemento” intracellulare e delle membrane cellulari, regola l’eccitabilità neuronale e la contrazione muscolare e aiuta il regolare battito cardiaco; facilita la coagulazione del sangue ed aiuta l’utilizzo del ferro.
    Svolge inoltre un ruolo chiave nel metabolismo energetico e nella comunicazione tra le cellule. 
    Circa il 99% del calcio viene immagazzinato nelle ossa e nei denti e può essere riassorbito nel sangue quando necessario.
    Il calcio può aiutare a prevenire la perdita ossea associata all’osteoporosi, ma solo insieme alla vitamina D e un’alimentazione varia e sana contenente vitamine A, C, K, ferro, magnesio, manganese, fosforo, potassio, rame, silice, zinco, boro, selenio, cromo, altri minerali traccia e…esercizio fisico! 
    Le fonti naturali di calcio sono: latte e prodotti lattiero-caseari, soia, tofu, salmone in scatola e sardine (se mangiate con le lische), arachidi, semi di sesamo, mandorle, fagioli secchi, tutte le verdure verdi, cereali integrali e cereali non raffinati. Le carni ne sono invece una fonte povera.
  • Fosforo 
    Il fosforo è il secondo minerale più abbondante nel corpo e un componente chiave di DNA, RNA, ossa, denti e molti altri composti necessari per la vita. 
    Svolge un ruolo importante nel metabolismo energetico delle cellule coinvolgendo carboidrati, lipidi e proteine. 
    Come il calcio, il fosforo è essenziale per la formazione e il mantenimento delle ossa; oltre il 75% del fosforo si trova nelle strutture scheletriche e nei tessuti connettivi. 
    Stimola anche la contrazione muscolare e contribuisce alla crescita e alla riparazione dei tessuti, alla trasmissione dei nervi, alla salute del sistema nervoso centrale e alla corretta funzione cardiaca e renale.
    Il fosforo è presente in una certa misura in quasi tutti gli alimenti, in particolare carne, pollame, uova, pesce, noci, prodotti lattiero-caseari e cereali integrali.
  • Magnesio 
    Il magnesio è il minerale chiave per nervi e muscoli, ed è anche necessario per ossa forti e sane.
    Aiuta anche a proteggere il cuore dallo stress di improvvisi cambiamenti della pressione sanguigna.
    Viene spesso associato al calcio grazie ai suoi effetti sinergici (aiuta l’organismo ad assorbire meglio il calcio). 
    Le basse assunzioni di magnesio sono molto comuni, quindi può essere utile integrarlo con un nutraceutico di qualità.
  • Potassio
    Il potassio è il terzo minerale più abbondante nel corpo, dopo calcio e fosforo. 
    Lavora a stretto contatto con sodio e cloruro per mantenere la distribuzione fluida tra cellule e fluidi corporei (sangue e linfa), preservare l’equilibrio del pH, ottimizzare la trasmissione degli impulsi nervosi e la contrazione muscolare e regolare il battito cardiaco e la pressione sanguigna.
    Il potassio inoltre modera l’aumento della pressione sanguigna durante lo stress mentale riducendo l’effetto dell’adrenalina; è anche necessario per la sintesi proteica, il metabolismo dei carboidrati e la secrezione di insulina da parte del pancreas. 
    Fonte di potassio sono per esempio i cereali integrali.
  • Sodio 
    Tutti i fluidi corporei – inclusi sangue, sudore e lacrime, contengono sodio (sale).
    Insieme al potassio e al cloruro, il sodio mantiene la distribuzione fluida e l’equilibrio del pH; con il potassio, il sodio aiuta a controllare la contrazione muscolare e la funzione nervosa.
    Mantenere l’assunzione di sodio entro limiti ragionevoli favorisce il benessere a lungo termine. 
    Spesso però ne assumiamo molto più del necessario!
    In questo articolo potrai leggere come fare per ridurre il sale nella tua alimentazione https://francescacucchi.com/2020/02/19/sale-meno-e-meglio/.
  • Zolfo 
    Costituendo circa il 10% del contenuto minerale del corpo, lo zolfo fa parte di ogni cellula, in particolare dei tessuti ricchi di proteine ​​di capelli, unghie, muscoli e pelle. 
    Lo zolfo disinfetta il sangue, aiuta l’organismo a resistere ai batteri e protegge il protoplasma cellulare. Aiuta reazioni di ossidazione vitali del corpo, stimola la secrezione biliare e – grazie alla sua capacità di proteggere dagli effetti dannosi delle radiazioni e dell’inquinamento – rallenta il processo di invecchiamento. Infine, lo zolfo è necessario per la sintesi del collagene, la principale proteina che fornisce integrità strutturale al corpo.
    Qualsiasi alimentazione che fornisce proteine ​​fornisce anche zolfo, quindi carne, pesce, pollame, uova, latticini, piselli e fagioli contengono zolfo in quantità variabili. 

I MINERALI TRACCIA

  • Cromo
    Il cromo aiuta a regolare l’uso dello zucchero da parte dell’organismo, rendendo le cellule più sensibili all’insulina ed è quindi utile nei programmi di perdita di peso. 
    È essenziale per il metabolismo degli acidi grassi. 
    Tracce di cromo si trovano in alimenti come fegato, molluschi, carni magre, pollame, melassa, cereali integrali, uova, formaggio e lievito di birra. 
  • Rame
    Il rame aiuta a formare l’emoglobina e l’assorbimento e l’uso del ferro in modo che i globuli rossi possano trasportare ossigeno ai tessuti. 
    Aiuta a regolare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, rafforza i vasi sanguigni, le ossa, i tendini e i nervi, promuove la fertilità e assicura la normale pigmentazione della pelle e dei capelli. 
    Il rame può anche prevenire danni ai radicali liberi e supportare la funzione immunitaria del corpo.
    Frutti di mare e carni di organi sono le fonti più ricche di rame. 
    Melassa, noci, semi, fichi, verdure verdi, pepe nero e cacao
    , tra gli altri, ne contengono quantità significative. 
    I segni di carenza di rame comprendono capelli fragili, scoloriti, difetti scheletrici, anemia, ipertensione, aritmie cardiache e infertilità. 
  • Fluoro 
    Si ritiene che il fluoruro, la forma ionica del fluoro, aiuti a formare lo smalto resistente che protegge i denti da carie e cavità e aumenta la resistenza e la stabilità ossea. 
    Le fonti alimentari includono alghe secche, frutti di mare – in particolare sardine e salmone – formaggi, carne e the.
  • Iodio
    Poiché lo iodio fa parte di diversi ormoni tiroidei, influenza fortemente il metabolismo energetico e nutrizionale, la funzione nervosa e muscolare, nonché le condizioni di unghie, capelli, pelle e denti e lo sviluppo fisico e mentale; aiuta a convertire il beta carotene in vitamina A. 
    Inoltre, è un efficace antisettico e sterilizzatore d’acqua.
    I frutti di mare, tra cui alghe, vongole, aragoste, ostriche e sardine e altri pesci d’acqua salata sono le fonti più ricche in natura. 
    Anche le verdure coltivate in terreni ricchi di iodio ne sono eccellenti fonti.
  • Ferro
    Il ferro è contenuto nell’emoglobina, la proteina presente nei globuli rossi che trasporta l’ossigeno dai polmoni ai tessuti corporei. 
    Si trova anche nella mioglobina, una proteina che fornisce carburante extra ai muscoli durante lo sforzo. 
    L’assunzione di vitamina C insieme al ferro contribuisce a massimizzarne l’assorbimento.
    Poiché il ferro rafforza la funzione immunitaria, la carenza di ferro può aumentare la suscettibilità alle infezioni. 
  • Manganese 
    Il manganese è essenziale per la corretta formazione e mantenimento di ossa, cartilagini e tessuto connettivo. Contribuisce alla sintesi di proteine ​​e materiale genetico e aiuta a produrre energia dagli alimenti. Agisce anche come antiossidante e aiuta nella normale coagulazione del sangue. 
    Il manganese è un cofattore importante negli enzimi chiave del metabolismo del glucosio.
    Le fonti di manganese includono riso integrale, noci, semi, germe di grano, fagioli, cereali integrali, piselli, banane, arance e fragole. 
  • Selenio 
    Come antiossidante protegge cellule e tessuti dai danni dei radicali liberi. 
    Il selenio è anche vitale per la salute della funzione tiroidea, supporta la funzione immunitaria e aiuta a neutralizzare la tossicità dei metalli pesanti cadmio, mercurio e arsenico. 
    Le noci del Brasile sono di gran lunga la migliore fonte di selenio, sebbene anche cereali integrali, aglio, uova, funghi, carne magra e frutti di mare ne siano buone fonti.
  • Zinco 
    Lo zinco è vitale per diverse centinaia di funzioni nel corpo e per la struttura stessa delle nostre cellule; è parte integrante della sintesi di RNA e DNA, il materiale genetico che controlla la crescita, la divisione e la funzione delle cellule. 
    Associato a varie proteine, enzimi, ormoni e prostaglandine, lo zinco contribuisce a una serie di processi, tra cui:
    ✓ sviluppo e crescita ossea
    ✓ respirazione cellulare
    ✓ cofattore per enzimi (oltre 200) nella digestione, nel metabolismo energetico ecc. 
    ✓ guarigione delle ferite
    ✓ capacità del fegato di rimuovere sostanze tossiche come l’alcol dal corpo
    ✓ funzione immunitaria
    ✓ regolazione della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna
    ✓ fertilità – maschio e femmina
    È necessario un adeguato apporto di zinco per il senso del gusto, per promuovere la salute della pelle e dei capelli, migliorare le funzioni riproduttive, per la memoria a breve termine e per il livello di attenzione; è un nutriente fondamentale coinvolto in molti meccanismi immunitari. 
    Come la vitamina C, lo zinco ha un’attività antivirale diretta, anche contro diversi virus che possono causare il raffreddore comune.
    Buone fonti naturali di zinco includono carne magra, ostriche e altri frutti di mare, uova, soia, arachidi, crusca di frumento, formaggio, zucca e altri semi, farina di ossa, lievito di birra.

All’occorrenza, può essere utile integrare i minerali con nutraceutici di qualità.

Al giorno d’oggi, infatti, gli alimenti non sono più ricchi di nutrienti come un tempo: dati reali dimostrano come il suolo si sia notevolmente impoverito negli ultimi 100 anni. 
La conseguenza è che le piante che vi crescono sono più povere di nutrienti e quindi anche ciò che mangiamo lo è. 

Quindi spesso ci troviamo a ingerire alimenti che ci riempiono lo stomaco ma non ci nutriscono: siamo sovra-alimentati ma sotto-nutriti; per ottenere gli stessi nutrienti da questi elementi dovremmo mangiarli appena raccolto, rigorosamente freschi e biologici, ma soprattutto in enormi quantità, per riuscire ad avere i micronutrienti che ci servono.

È sicuramente molto importante che ciò che utilizziamo sia naturale, fresco, di ottima qualità, biologico e trattato il meno possibile; 
Premesso ciò può essere spesso efficace utilizzare anche nutraceutici certificati di qualità, cioè supplementi di origine del tutto naturale che ci aiutano ad integrare ciò che non riceviamo dalla corretta alimentazione, cosa imprescindibile e che non deve mai mancare!

Per qualsiasi consiglio o informazione in più, sono a disposizione, posso consigliarti gratuitamente ciò che fa per te!! 

La scelta del nutraceutico infatti è molto importante, ci sono alcune caratteristiche che non devono mancare per avere la certezza di assumere un prodotto sicuro e di qualità! 
Trovi i miei contatti nella homepage del blog!!

Ti consiglio di seguire il blog per non perdere alcune “chicche” di benessere gratuite!!