IL MONDO DELLE SPEZIE

Valevano oro, venivano usate come merce di scambio, ma vediamo insieme perché sono così preziose!

Provengono quasi tutte dai paesi orientali, in particolare soprattutto dall’India e sono conosciute anche in Occidente per le loro proprietà curative e cosmetiche, oltre che per il loro utilizzo in cucina.

Ma sai cosa sono?
Sostanze aromatiche di origine vegetale già conosciute fin dai tempi degli Egizi; addirittura, furono uno dei motivi che spinsero Cristoforo Colombo a cercare una via alternativa per le Indie! 

Questi aromi sono importantissimi per la conservazione del cibo e possono avere proprietà benefiche per il nostro organismo. 

Facciamo un po’ di chiarezza sulle principali spezie che possiamo utilizzare in cucina tutti i giorni!

  • CURCUMA
    È una polvere gialla ottenuta dal rizoma della pianta. La curcuma contiene la curcumina, leggermente piccante, che aiuta il benessere del fegato, perché favorisce la digestione dei grassi. Ha anche proprietà antinfiammatorie e antibatteriche. Ha un’azione analgesica ed aiuta il benessere delle articolazioni. Potente antiossidante, rinforza il sistema immunitario e ha azione depurativa.
  • PEPERONCINO
    Tipicamente piccante, è noto per favorire la digestione e per le sue proprietà antibatteriche ed antinfiammatorie. È anche un vasodilatatore, migliora la circolazione ed è utile per il benessere del sistema cardiocircolatorio. È ricco di vitamina C ed E.
  • PEPE NERO
    Ha proprietà digestive e pare che acceleri il metabolismo. Attenzione però: questa spezia irrita le mucose, quindi va usata in piccole quantità.
  • SENAPE
    Ha proprietà digestive e viene utilizzata per la preparazione di salse. Un infuso di senape può aiutare in caso di raffreddore e febbre e stimola la circolazione sanguigna.
  • ZAFFERANO
    Favorisce le funzioni digestive ed è un potente antiossidante. Viene utilizzato anche contro il mal d’auto. Si usa in fitoterapia nel trattamento dei disturbi dell’umore.
  • CARDAMOMO
    Dalle note proprietà digestive, viene utilizzato anche contro mal di denti e alitosi.
    Un infuso a base di cardamomo è un vero toccasana contro il raffreddore e libera immediatamente le vie respiratorie combattendo al contempo la stanchezza che tipicamente accompagna gli stati influenzali. 
    Utile anche in caso di intestino irritabile.
  • CANNELLA
    Proprietà antiossidanti e digestive ne fanno un’alleata per combattere la cattiva digestione. Ha proprietà antibatteriche e antisettiche (adatta anche per impacchi contro l’acne). La cannella stimola il sistema immunitario e può essere un buon rimedio naturale contro raffreddore, influenza, diarrea, flatulenza e dispepsia per l’azione antimicrobica e astringente.
  • CHIODI DI GAROFANO
    Ricchi di sostanze antiossidanti, antibatteriche, antinfiammatorie e analgesiche. Aiutano la conservazione dei cibi e stimolano la circolazione sanguigna. L’infuso di chiodi di garofano aiuta contro la nausea, l’indigestione e i disturbi intestinali. Inoltre, è efficace nel trattamento di mal di denti, mal di testa e alitosi.
  • ANICE STELLATO
    Ha proprietà digestive, carminative (riduce i gas intestinali), balsamiche e antinfiammatorie. 
    L’olio essenziale è utilizzato per contrastare l’appetito, in caso di acne (qualche goccia nel tonico), in caso di infiammazioni alle gengive; inoltre, ha un odore sgradevole per gli insetti quindi è efficace per tenere lontano le zanzare e le tarme.
  • ZENZERO
    Stimola le difese immunitarie ed è un antibatterico e un antinfiammatorio del tutto naturale. Inoltre, ha proprietà gastro-protettive, aiuta la digestione ed è utilizzato come antinausea, antivertigine e contro il mal d’auto.
    Grazie alle sue proprietà antibiotiche, lo zenzero è un valido alleato di stomaco, intestino, cuore e apparato circolatorio.

Allora…quale proverai per prima nei tuoi piatti??

Ti consiglio di seguire il blog per non perdere ricette salutari e “chicche” di benessere gratuite!!

Le indicazioni di questo articolo hanno scopo ESCLUSIVAMENTE informativo e non intendono sostituire il parere di figure professionali come medico, nutrizionista o dietista, il cui intervento si rende necessario per la prescrizione e la composizione di terapie alimentari o nutrizionali.
Le informazioni riportate non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e paziente.