NON C’E’ UNA SECONDA OCCASIONE PER FARE UNA BUONA PRIMA IMPRESSIONE


Al giorno d’oggi, nella maggior parte del mondo, siamo tutti bombardati da tanti stimoli, per lo più visivi e uditivi, che ci fanno percepire in modo veloce la realtà. L’utilizzo e lo sviluppo di molte tecnologie che sono alla portata di tutti ha permesso di ampliare la nostra visione del mondo, di connetterci a tutti in ogni momento, di poter avere a portata di un click o di un “tap” quasi tutto quello di cui abbiamo bisogno. 

La maggior parte delle persone è sempre di fretta e la nostra attenzione giornaliera si deve dividere tra tutto quello con cui approcciamo e che riceviamo continuamente ogni giorno.

Questa realtà da alcuni viene idolatrata e da altri criticata, io credo che come sempre la giusta misura sia nel mezzo e nell’equilibrio: pensa a quante cose possiamo fare oggi che un tempo erano impensabili, come possiamo più facilmente risolvere alcuni problemi e avere più risorse. Si tratta, secondo me, di non perdersi e non abusare di questa realtà, in modo da sfruttarla come risorsa.

Nelle grandi città chiaramente tutto quello di cui abbiamo parlato è molto accentuato, non è così dappertutto, man mano che la realtà con cui approcciamo si rimpicciolisce, man mano questo fenomeno può essere meno sviluppato.

Viene da se, secondo me, che in un mondo così di fretta e con così tante possibilità e stimoli che ci arrivano ogni giorno il nostro aspetto (non parlo solo di bellezza, ma di atteggiamento, modo di vestire, di porci…) può diventare un biglietto da visita importante per veicolare il messaggio che vogliamo trasmettere.

Perché si, l’apparenza non è tutto ma… anche se ci sembra di non avere un particolare messaggio da trasmettere agli altri noi stiamo in realtà comunicando sempre e continuamente!!!

Il 1° assioma della Comunicazione dice infatti:

È impossibile non comunicare.

Non si può non comunicare.

In qualsiasi tipo di interazione tra persone, anche con il semplice guardarsi negli occhi o con il porsi in un certo modo, con un determinato abbigliamento o atteggiamento, stiamo comunicando sempre qualche cosa all’altro soggetto.

La nostra comunicazione, ormai sappiamo, tutti verte su tre canali:

  • Verbale (parole, che cosa dici)
  • Paraverbale (tutto ciò che riguarda la voce e come lo dici)
  • Non Verbale 

Ed è qui che in particolare il primo assioma agisce: noi comunichiamo con ogni parte di noi e con il nostro apparire.

Un tempo si diceva: l’abito non fa il monaco, per indicare che a volte l’apparenza tradisce ciò che davvero è la sostanza.

E…proprio perché chi vede una persona vestita da monaco riceve l’informazione e la comunicazione che questa è un monaco che abbiamo da fare MOLTA ATTENZIONE a come ci poniamo, a come ci vestiamo, a come ci muoviamo affinchè la comunicazione che vogliamo portare sia congruente con ciò che comunichiamo davvero agli altri.

Perché, se è vero che l’abito non fa il monaco, la persona che ci vede vestiti da monaci di primo acchito pensa che noi lo siamo e se non lo siamo e non è questo che vogliamo comunicare… beh allora meglio vestirsi di conseguenza, no?

Per il nostro inconscio “Non c’è mai una seconda occasione per fare una buona prima impressione”.

Per questo è importante che conosciamo al meglio noi stessi per poter decidere quale stile di vita ci appartiene, che cosa vogliamo davvero comunicare e agire di conseguenza in modo congruente.

E ricordiamo che quando ci relazioniamo con gli altri ciò che più passa in caso di incongruenza è proprio il non verbale!!! 

Quindi occorre essere il più veri e consapevoli possibile, per poter ottenere il risultato che vogliamo nella nostra comunicazione.

Comunichiamo con:

I gesti, lo sguardo, la prossemica, gli abiti e lo stile di vita; l’immagine che diamo, le azioni, i silenzi, il corpo intero.

Non si può non comunicare!!!!

Quindi ora la riflessione passa a te… che cosa comunichi anche quando non vorresti comunicare nulla?

Perché, RICORDA, passa sempre qualcosa!!! Fai in modo che questo quel qualcosa sia speciale e in linea con chi sei tu!

Solo essendo congruenti riusciremo a trasmettere in modo naturale e spontaneo chi siamo e cosa vogliamo comunicare.

Se ci sentiamo a posto ok se no miglioriamo ciò che trasmettiamo finchè non è in linea con chi siamo e con cosa vogliamo trasmettere!!!

Ti consiglio di seguire il blog per non perdere alcune “chicche” di benessere gratuite!!